0

L.662/1996 fondo centrale di garanzia

Il Fondo Centrale di Garanzia sostiene lo sviluppo delle Piccole e Medie Imprese Italiane concedendo una garanzia pubblica a fronte di finanziamenti concessi dalle Banche

Beneficiari

PMI, comprese quelle artigiane, ubicate sul territorio nazionale appartenenti a qualsiasi settore ad eccezione, di quelle appartenenti ai cosiddetti settori “sensibili” esclusi dall’Unione Europea e che siano valutate economicamente e finanziariamente sane.

Sono ammissibili anche le nuove imprese (ovvero quelle che sono state costituite o hanno iniziato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione alla garanzia del Fondo):

  • sono ammissibili solo se l’operazione per la quale è richiesto l’intervento del Fondo è a fronte di un programma di investimento;
  • sono ammissibili solo se i mezzi propri, che devono risultare già versati alla data di erogazione del finanziamento o di acquisizione della partecipazione (si considerano anche i finanziamenti dei soci in conto futuro aumento capitale sociale) sono superiori al 25% del programma di investimento.

Soggetti richiedenti

Per la garanzia diretta: banche, intermediari finanziari, SFIS (società finanziarie per innovazione e sviluppo).

Per controgaranzia e cogaranzia: confidi e altri fondi di garanzia.

Operazioni ammissibili

Qualsiasi tipologia di operazione finanziaria purché direttamente finalizzata all’attività d’impresa:

  1. Operazioni di durata non inferiore a 36 mesi;
  2. Operazioni di anticipazione dei crediti verso la A.;
  3. Operazioni sul capitale di rischio;
  4. Operazioni di consolidamento delle passività a breve termine su stessa banca o gruppo bancario di qualsiasi durata;
  5. Operazioni a favore delle piccole imprese dell’indotto di imprese in amministrazione straordinaria di durata non inferiore a 5 anni;
  6. Altre operazioni finanziarie;
  7. Operazioni di sottoscrizione di mini bond;
  8. Operazioni di microcredito.

L’importo massimo garantito complessivo per ciascuna impresa non può superare € 2.500.000,00; e € 1.500.000,00 per le operazioni di cui ai punti d), e), f), g).

Copertura

L’intervento è concesso, fino ad un massimo dell’80% del finanziamento, su tutti i tipi di operazioni sia a breve sia a medio- lungo termine, tanto per liquidità che per investimenti. Il Fondo garantisce a ciascuna impresa o professionista un importo massimo di 2,5 milioni di euro, un plafond che può essere utilizzato attraverso una o più operazioni, fino a concorrenza del tetto stabilito, senza un limite al numero di operazioni effettuabili. Il limite si riferisce all’importo garantito, mentre per il finanziamento nel suo complesso non è previsto un tetto massimo.

Richiedi maggiori informazioni


*Dichiaro di aver letto l’informativa sulla privacy e di essere consapevole che il trattamento dei dati
è necessario per ottenere i servizi offerti dal sito.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi